Associazione Interculturale Donne Assieme

Giornalino di aprile 2019

                                                             APRILE 2019

ESSERE DONNA

Quando prendi coscienza di te
capisci le tue potenzialità,
sei in grado di valutare
le tue capacità, i tuoi limiti,
allora puoi lasciare libero il tuo pensiero
che vaga per l’universo,
perché l’hai raggiunto: è dentro di te.
Scopri così di non essere più sola …
Se ti accetti come sei, puoi anche volare!

                                                                                Licia Fontanot

 

Nel-Mar … di capacità e orgoglio
Nel-Mar … del bellissimo star insieme
Nel-Mar… di momenti splendidi

Licia Fontanot

 

NOTIZIE di IERI – di OGGI – di DOMANI

 6 marzo: in sala Millo, si è svolta l’Assemblea annuale delle socie. Dopo l’assemblea, ci siamo trovate presso il locale Marconi per un momento di convivio.

8 marzo: in occasione della Giornata Internazionale della Donna, un gruppo di socie A.I.D.A. si è unita alle donne di Chiampore, presso il ristorante Al Castello, per festeggiare la Giornata. Al termine, un gruppo di socie ha partecipato all’inaugurazione della mostra delle Artiste muggesane organizzata da UDI 8 marzo – sez. di Muggia.

10 marzo: presso la chiesa di Nostra Signora di Lourdes, i cori A.I.D.A e Edelweiss hanno offerto un concerto di beneficienza pro – A.V.A.T. Onlus.

29 marzo alle 18.30: presso la sala del Consiglio, la Consulta delle Associazioni di Muggia si riunisce per definire il progetto “Costa in festa” che si svolgerà l’11 maggio p.v.

2 aprile: ore 16.30, presso il locale Marconi si terrà il nostro consueto incontro mensile.

9 aprile: ore 16.30, presso la Biblioteca comunale “K. Ferluga”, incontreremo la scrittrice Nunzia Piccinni che ci illustrerà tre dei suoi scritti: “La notte spezzata”, “Ieri e Oggi”,Partecipando”.

21, 22 aprile: festività Pasquali … dal 23 al 30 aprile la sede rimarrà chiusa.

27 aprile: si svolgerà la Mujalonga sul mar. Vedi dettagliate informazioni all’interno di questo giornalino.

7 maggio: ore 16.30, presso il locale Marconi si terrà il nostro consueto incontro mensile.

ALCUNE DATE CHE CI PIACE RICORDARE

3 aprile 1973 (45 anni fa) Prima telefonata da un cellulare portatile –

All’inizio degli anni Settanta, il cellulare non era uno strumento totalmente sconosciuto. Era limitato all’utilizzo nelle autovetture, in particolare della polizia, e ai cittadini privati che se lo potevano permettere.

6 aprile – Carbonara day,

L’hanno promosso per la prima volta le associazioni Aidepi (Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) e Ipo (International Pasta Organization) nel 2017.
Tra le tante versioni sull’origine di questo primo piatto delizioso quella più accreditata, rivendicata lo scorso anno anche dal New York Times, è che siano stati gli americani a inventarsela. I soldati americani, per l’esattezza, che si ingegnarono nel trovare un modo per mettere insieme la tradizionale cacio, pepe e uova con il guanciale, simile alla loro pancetta. Ma se è vero che forse non è possibile considerare la carbonara un piatto totalmente nostrano, è anche vero che questo primo piatto s’inserisce perfettamente nella cucina romana che era, ed è ancora oggi, fatta di sapori e di ingredienti rustici.

16 aprile – Giornata mondiale della voce

La Giornata mondiale della voce è un evento oramai consolidato a livello planetario in cui tutte le componenti, sanitarie e non solo, si occupano di ciò che riguarda il benessere della voce. Un ulteriore obiettivo della giornata mondiale della voce è quello di focalizzare l’attenzione sulla voce intesa anche come prestazione artistica e quindi un invito particolare a sottoporsi allo screening è rivolto a quei soggetti che desiderano conservare o migliorare le loro performances vocali.

 

22 aprile – Giornata della Terra

Si celebra ogni anno un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera e ha lo scopo di ricordare a tutti le problematiche del pianeta, dall’inquinamento all’esaurimento delle risorse non rinnovabili, inducendo tutti all’uso di accorgimenti come il riciclo dei materiali, la conservazione delle risorse naturali, la realizzazione di impianti eco compatibili e la protezione delle specie animali.

23 aprile – Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

La scelta della data avvenne nel 1996 in commemorazione del giorno in cui, nel 1616, morirono tre importanti scrittori: lo spagnolo Miguel de Cervantes, l’inglese William Shakespeare e il peruviano de la Vega (la data di morte di Cervantes e Garcilaso de la Vega è considerata secondo il calendario gregoriano mentre quella di Shakespeare secondo il calendario giuliano, all’epoca in uso nel Regno Unito). Lo scopo della giornata è quello di diffondere l’amore per la lettura e di accendere i riflettori sugli scrittori, sul loro valore e sulle difficoltà della loro professione.

25 aprile – Festa della Liberazione

È una giornata dedicata alla memoria, in cui si festeggia la fine dell’occupazione nazifascista, avvenuta il 25 aprile 1945, a conclusione della Seconda guerra mondiale.
Fu scelta questa data perché il 25 aprile del 1945 furono liberate le città di Milano e Torino ed a seguire le altre città italiane, dopo venti anni di dittatura fascista.
La data rappresenta, simbolicamente, l’inizio di un percorso che sfocerà nel referendum del 2 giugno 1946 per scegliere la futura forma di governo (tra monarchia e repubblica), la formazione della Repubblica e la stesura della Costituzione italiana.
Fu dichiarato giorno festivo nel 1946, con validità solo per quell’anno poi, nel 1949 fu promulgata con una legge che stabilì il 25 aprile un giorno festivo. Molte città italiane ricordano questa data organizzando manifestazioni, cortei ed eventi.

26 aprile 1986 disastro alla centrale nucleare di Chernobyl

Disastro di cui abbiamo tutti memoria. Ancora oggi nessuno è in grado di dire con certezza quante perdite umane siano legate a questo spaventoso incidente.

26 aprile – Giornata mondiale della proprietà intellettuale

Un’iniziativa che annualmente ha lo scopo di incoraggiare l’attività creativa e di promuovere la protezione della proprietà intellettuale nel mondo.

 

Nota: notizie tratte da internet. Fonti:  www.mondi.it/almanacco/www.ilfattoquotidiano.it , www.infooggi.it,   www.key4biz.i/

  Il gruppo di ginnastica posturale … in versione carnevalesca!

ASSEMBLEA ANNUALE DELLE SOCIE A.I.D.A 

Martedì 6 marzo 2019, presso la sala Millo, si è tenuta l’assemblea annuale delle socie. La Presidente ha presentato una relazione attenta e dettagliata sulle attività svolte nell’ambito dell’Associazione durante l’anno 2018: il concorso Letterario e quello di Creatività femminile, gli incontri con le scrittrici, le conferenze,  le gite e le uscite culturali per conoscere il nostro territorio, i momenti ricreativi, di svago e conviviali.

Conclusa la relazione e dopo aver presentato e approvato il bilancio consuntivo 2018 e preventivo 2019, preparato da Chiara Stocovaz, si è proceduto alla nomina delle componenti del Direttivo, che ha visto il nuovo ingresso di Luciana Gaburro. Perciò il Direttivo 2019 è così composto: Candusio Ornella, Degrassi Ana Maria, Dudine Nelda, Gaburro Luciana, Ghersini Gabriella, Gnesda Graziella, Lenardon Gabriella, Mansutti Rita, Millo Miriam, Pulgher Tiziana, Rigato Ornella, Salich Liliana, Serra Paola, Surian Etta, Temeroli Rita e Umek Annamaria.

A seguire è stato eletto il Collegio dei Sindaci – Revisori dei Conti che ha visto riconfermate le socie: Demarchi Loredana, Furlan Anna e Zaccaria Denni con il ruolo di Presidente.

Al termine dell’assemblea, con il favore delle socie del Direttivo, la riunione è proseguita per eleggere il Comitato di Presidenza e la Presidente.

Il Direttivo riunito ha confermato in Comitato di Presidenza: Candusio Ornella, Dudine Nelda, Rigato Ornella, Serra Paola, Umek Annamaria e, in qualità di supplente, Gaburro Luciana. Infine, all’unanimità ha confermato Paola Serra Presidente.

Auguro a tutte noi un buon proseguimento del lavoro.                                                                                               Paola S.

 

A fine assemblea è stato consegnato alle socie che ne avevano fatta richiesta, il libro/quaderno dei ricordi, redatto in occasione del 20° anniversario dell’A.I.D.A. Naturalmente ci ha fatto molto piacere cogliere l’apprezzamento e l’interesse delle socie presenti.

 

 

 

 

 

8 marzo, festa della donna 2019

Come ogni anno in questa giornata viene festeggiata la donna, per ricordare le conquiste sociali, politiche ma anche le discriminazioni e le violenze a cui la donna è stata soggetta e che purtroppo continuano tuttora.
Per onorare la festa in tutta Europa e nella maggior parte del mondo vengono organizzate varie manifestazioni, cortei informativi sull’attuale condizione femminile, mostre, presentazioni di libri ma anche incontri conviviali per consolidare le amicizie.
Nel nostro piccolo e pacifico angolo muggesano due solerti signore, Licia e Miriam, da molti anni si attivano per preparare un pranzo amichevole in un ristorante paesano al quale partecipano alcune signore di Chiampore e alcune socie dell’associazione A.I.D.A.

Nonostante le tristi notizie giornaliere di atroci femminicidi, la festa si svolge in un clima di serenità e allegria davanti a delle buone pietanze e ad una colorata piantina di primula per ciascuna delle commensali.
Licia nel suo discorso di benvenuto ricorda i tempi passati, vivi, limpidi e gioiosi, dedicando il ricordo a quelle donne semplici che, con solo un mazzo di mimose in mano, hanno regalato libertà di pensiero e di azione.
Poi il momento delle poesie, scritte da Alessandra Zuliani, e un messaggio pervenuto da un uomo, sotto forma di regalo, sempre attento e gentile verso il genere femminile.  Uno scritto, tratto dal Talmud, un libro ebreo dove vengono raccolti i detti dei rabbini diceva così:

“State molto attenti a far piangere una donna,
che poi Dio conta le sue lacrime!
La donna è uscita dalla costola dell’uomo,
non dai piedi perché dovesse essere pestata,
né dalla testa per essere superiore,
ma dal fianco per essere uguale…
un po’ più in basso del braccio per essere protetta
e dal lato del cuore… per essere Amata!”

Per finire la giornata le aidine si sono recate all’inaugurazione della mostra promossa dall’UDI CIRCOLO “OTTOMARZO” Dalle donne La forza delle donne, presso la Sala Comunale d’Arte “Giuseppe Negrisin” in piazza Marconi a Muggia, una mostra di quadri, realizzati da una quarantina di artiste muggesane dal titolo” Segni Forma e Colori” .                                                                                                                                                                                     Nelda

 

Quest’anno ho voluto festeggiare la festa della donna in maniera diversa.
Già da parecchio tempo sentivo il bisogno di andare a trovare, portando loro un fiore, donne che per svariati motivi non vedo da molto tempo. Fra queste Aki, nostra socia e componente del nostro coro, ancora ricoverata a causa di un brutto incidente.
Salita al secondo piano la vedo in lontananza seduta su una carrozzina. Vederla finalmente seduta, dopo tanto tempo in cui lei ha dovuto rimanere ferma a letto, mi ha riempito di gioia. Era davvero molto felice e mi ha detto “Sai, il peggio è passato, fra qualche giorno finalmente potrò anche provare a camminare”. Abbiamo chiacchierato per un po’, mi ha chiesto notizie di tutte noi, del coro e dopo aver scattato una foto ricordo, ci siamo salutate.
Ciao Aki, auguri di una pronta guarigione da tutte noi!

Annamaria

Concerto di beneficenza coro A.I.D.A.

Nel borgo satellitare di Altura in provincia di Trieste c’è la Parrocchia di Nostra Signora di Lourdes. La chiesa è di recente costruzione, infatti nel 1983 era costituita da un provvisorio prefabbricato, solo nell’anno 2000 è stata consacrata la nuova grande struttura di mattoni, con annesso un parco giochi per i bambini del rione.
Domenica 10 marzo i cori A.I.D.A. e Edelweiss, hanno offerto all’interno della chiesa, un concerto di beneficenza a favore dell’Associazione Volontari per l’Africa, con sede a Trieste (AVAT).
L’Associazione senza fini di lucro, che si avvale del motto “tra il dire e il fare c’è di mezzo il dare” è stata costituita ufficialmente nel dicembre del 2007 e si propone di perseguire finalità sociali, soprattutto nello sviluppo di progetti umanitari a favore delle popolazioni in condizioni disagiate con costruzioni di scuole, ospedali, inserimento delle donne nel lavoro e progetti agricoli.
I due cori si sono alternati nei loro repertori musicali: il coro Edelweiss, diretto dalla M° Martha Ratschiller con l’accompagnamento del fisarmonicista M° Erik Kuret ha intonato musiche popolari triestine, istriane, friulane e sacre, regalandoci anche una bella canzone regionale altoatesina, paese natale della M° Martha.

Il coro A.I.D.A. diretto dal M° Nicola Colocci e accompagnato dal flauto della M° Claudia Vascotto, invece ha tratto dal proprio repertorio proposto in Val Pusteria due madrigali che esprimono il gioioso arrivo della primavera, due canzoni popolari, cimentandosi nella lingua francese e russa, un’antica ballata inglese e, per ricordare la nostra cittadina, anche una canzone popolare muggesana.

Nel finale i due cori hanno cantato assieme l’emozionante “Ave Verum Corpus” (W.A.Mozart) diretti dalla M° Ratschiller. È stato un bellissimo concerto, certamente il grande lavoro dei Maestri e l’impegno che ci mettono le coriste alla fine dà sempre dei buoni risultati.

                                                                                                                                                                                              Nelda

Dal libro …

Uso troppo la ragione e poco l’istinto. L’istinto non mi fa mai sbagliare.
La ragione quasi sempre.
Laura Morante (attrice italiana)

Una cosa è certa: io, se c’è, sono per lasciare un errore, più che cercare la perfezione. La perfezione mi fa un po’ paura e mi dà un senso di freddezza.
Patty Pravo (cantante italiana)

 

 

RISCALDAMENTO GLOBALE

Il 15 marzo migliaia di studenti in tutte le parti del mondo hanno aderito all’iniziativa promossa da una sedicenne svedese che ha ispirato il movimento degli studenti “venerdì per il futuro” contro il riscaldamento globale della terra, promovendo cortei pacifici per la vie delle principali città di residenza.

Greta Thunberg, giovane studentessa nata a Stoccolma, decide di protestare contro il cambiamento climatico che sta rubando il futuro ai giovani: invece di andare a scuola si siede davanti al Parlamento svedese per tre settimane, continuando a farlo ogni venerdì fino a quando i parlamentari si convincono ad ascoltare il suo accorato appello per salvaguardare la civiltà umana.  Il messaggio di Greta è molto coraggioso, mostra all’attenzione del mondo un problema fondamentale e condanna alle proprie responsabilità tutti i potenti della terra. La notizia si diffonde rapidamente tra i suoi coetanei, grazie ai social network, molti raccolgono l’invito anche tra gli adulti e decidono di protestare in diversi paesi davanti ai parlamenti locali. Anche se parecchie persone possono pensare che Greta sia stata strumentalizzata da personaggi importanti, resta sempre un’azione destinata a un bene comune e di grande utilità per il benessere del pianeta terra e la sua popolazione.

Pure nella nostra Regione c’è un giovane ragazzo, meno noto di Greta ma anche lui comparso sulle cronache locali per aver vinto la sua battaglia contro la costruzione di una Centrale Elettrica sull’incontaminato torrente Alberone.
Aran Cosentino, friulano di nascita, navigando su Internet scopre il progetto di un’azienda per la realizzazione di un mini impianto elettrico nel torrente integro e di modesta portata a valle della propria abitazione. Mobilitati tutti gli abitanti del paese ai piedi del monte Matajur, forma il comitato “Amici del torrente Alberoni” e finalmente dopo tre anni di battaglie, raccolte di firme e petizioni con l’aiuto della Regione, l’azienda incaricata rinuncia alla realizzazione dell’opera.

                                                                                                                                                                                      Nelda

VISITA AL SINCROTRONE

In una bella giornata soleggiata di marzo, si è svolta la visita al SINCROTRONE ELETTRA MACCHINA DI LUCE di Basovizza, organizzata dall’Università di Trieste: otto i partecipanti da Muggia.
A seguito di un corso tenuto dalla prof.ssa Maria Luisa Princivalli con la collaborazione del prof. Franco Zanini, la visita era guidata dal super dott. Riccardo Cucini professore di fisica e specializzato in laser. Giovane e bravissimo ci ha coinvolto in un modo semplice nonostante la difficoltà del tema.
ELETTRA: sorgente di luce di sincrotrone di terza generazione, in funzione dal 1993. Il fascio di elettroni, che circola nell’anello di accumulazione a velocità prossime alla velocità della luce, produce una radiazione di altissima intensità e brillanza, a frequenze che vanno dall’infrarosso ai raggi X molto penetranti.
I fasci di fotoni, raccolti da sistemi ottici che operano in condizioni di vuoto spinto, raggiungono le linee di luce che giungono le stazioni sperimentali.
La luce prodotta da Elettra risulta essere 10 miliardi di volte più brillante di quella generata da sorgenti convenzionali. Adatta a esperimenti di chimica, fisica, biologia, scienze dell’ambiente, medicina, ecc.
Ho fatto un riassunto di quello che ho sentito e spero vi possa interessare.

Gabriella Ghersini

GIARDINAGGIO – consigli per il mese di aprile

  • Rinvasare e concimare le piante d’appartamento.
  • Fare le talee.
  • Aggiustare le siepi.
  • Cominciare il trapianto di varietà a fioritura estiva.
  • Seminare astri, zinnie, petunie, begonie, viole.
  • Preparate nuovi vasi di crisantemi con germogli conservati da vecchie piante.
  • Fare un po’ di disinfestazione.

                                                                                                        Gabriella Ghersini

 

Informazione utile

Pensando possa essere utile alle socie, Gabriella Lenardon ci segnala il numero verde dell’INPS per ricevere per posta il CU (ex CUD) di quest’anno, attivo dal 25 marzo: 800434320

 

CUCINARE CON GLI AVANZI

Come riutilizzare la polenta

La polenta può essere riciclata in vari modi originali e golosi. Ad esempio potete usarla per preparare dei deliziosi tortini, alternando fettine di polenta a fettine di formaggi filanti e prosciutto e condite poi con besciamella e pisellini e gratinate in forno. Oppure farcite con salsiccia sbriciolata e parmigiano e condite con ragù (magari avanzato dal pranzo della domenica) e infornate.
In alternativa, potete tagliarne delle fettine, passarle in padella, condirle come tartine e usarle per servire uno sfizioso antipasto.

Come riutilizzare il purè

Il purè avanzato può essere usato per preparare dei piatti deliziosi, come le patate duchesse: vi basterà gratinarle in forno dopo aver dato la forma con una siringa per pasticceria.
Potete anche recuperarlo per cucinare un corposo gateau di patate, perfetto anche per eliminare dal frigo rimasugli di salumi e formaggio: imburrate una pirofila, versateci dentro il purè insaporito con quello che trovate nel frigo (va bene tutto, dalle uova sode alle verdure cotte al vapore), cospargete di pangrattato e infornate.
E che dire dei crocchè di patate? Create delle forme allungate (potete anche metterci un pezzetto di formaggio al centro), impanatele e friggetele, e il gioco è fatto!

Come riutilizzare salumi e formaggi

Salumi e formaggi avanzati, seppure in scarsissime quantità, possono essere riutilizzati in innumerevoli modi per preparare tantissime ricette diverse: da squisite omelette farcite a gustosi rustici e plum-cake salati, pizze, torte rustiche, muffin salati, gateau di patate, timballi di pasta…

Come riutilizzare le verdure

Le verdure avanzate possono essere utilizzate per una miriade di preparazioni, anche a seconda del tipo di cottura.
Ad esempio le verdure grigliate sono perfette per arricchire delle insalate o farcire panini e saltimbocca, o anche per preparare gustose torte salate.
Le verdure stufate, bollite o saltate in padella possono essere frullate con brodo, latte o besciamella per ottenere squisite vellutate e passati di verdure, o ancora, mischiate con pane raffermo spugnato, per preparare polpette e crocchette.
Qualsiasi sia il tipo di cottura, infine, potete sempre optare per una bella frittata.

Come riutilizzare la frutta

Quando inizia a maturare troppo, tagliarla a dadini e preparare una bella macedonia, da servire con un po’ di succo di agrumi come merenda sana, o con una pallina di gelato per un fresco dessert.
Se invece dovesse essere proprio la macedonia, ad avanzarvi, potete preparare un delizioso crumble sbriciolandoci sopra un po’ di pasta frolla e passandola in forno. Per una versione più fresca, sostituite la frolla con pezzetti di biscotto, in modo da non dover cuocere la frutta: vedrete che delizia!
Se invece avete un esubero di un singolo tipo di frutta, come mele, pere o albicocche, potete preparare una composta di frutta o una marmellata al volo, o magari realizzare un dolce, come una torta, una crostata o dei muffin.

Come riutilizzare la carne ed il pesce

Quante volte capita di preparare, ad esempio, un ottimo brodo di carne, perfetto per agnolotti e tortellini, ma di avanzare invece il pezzo di carne utilizzato? O magari avete degli avanzi di pollo arrosto? Infarinatela e ripassatela in padella, o anche solo accompagnatela da una salsina ricca e gustosa, come ad esempio della maionese, magari fatta in casa, sarà tutta un’altra cosa. Potete anche spezzettarla ed unirla ad una ricca insalata mista, con lattuga, verdure e sottaceti. O ancora, potete frullarla con un po’ di besciamella e preparare delle golosissime crocchette da servire in tavola come una prelibatezza.
Se invece vi è avanzato del pesce, come del merluzzo bollito, potreste riciclarlo per preparare deliziose polpette, crocchette o bastoncini di pesce, da fare al forno o fritti o, anche in questo caso, riutilizzarlo per una ricca insalata, ad esempio con pezzetti di pesce e senape.

Aprile dolce dormire… non direi… noi corriamo!

 

Mujalonga Sul Mar 2019.  Corriamo per un mare pulito.

Quest’anno abbiamo pensato di lasciare la nostra traccia non solo nello sport e il sociale, ma anche nell’ambiente. Galleggiano nei nostri mari tonnellate di plastica che uccidono tanti animali e rovinano il nostro caro pianeta.
L’evento sarà interamente PLASTIC FREE, ma senza dimenticare lo sport e il divertimento.
Sono questi i fili conduttori della Mujalonga Sul Mar 2019.
Tre giorni di eventi che vedranno sfidarsi e correre fianco a fianco migliaia tra bambini, atleti agonisti, amatori.
Una festa dello sport che accoglie tutte le famiglie e le persone che desiderano godersi una giornata all’insegna della gioia e della sana attività sportiva, lungo un percorso unico nel suo genere, con il mare a far compagnia a tutti i partecipanti.
E quest’anno si corre al tramonto, con partenza alle 17 per la 10k ed alle 18 la Family Run&Dance.

 Ecco a voi un ricco programma:

– 27/04/19  –  ORE 10:30 – Presentazione dei Top Runners
A Muggia, in Piazza Marconi. Si esibiranno i ballerini dell’Accademia Danze.
– ORE 17:00 – PARTENZA 10K COMPETITIVA
Corsa su strada inserita in Calendario Nazionale FIDAL
10 Km su strada; tragitto completamente chiuso al traffico e pianeggiante, omologato, con partenza nei pressi di Porto S. Rocco – strada costiera – viraggio nei pressi dell’ex confine di Lazzaretto – circuito all’interno della Base Logistica Militare – strada costiera – arrivo in Porto S. Rocco.
– ORE 18:00 – PARTENZA FAMILY RUN&DANCE 5K NON COMPETITIVA
Corsa a passo libero aperta a tutti, unico requisito IL BUONUMORE.
Il percorso di 5 Km è completamente chiuso al traffico, totalmente pianeggiante, lungo il litorale costiero e ritorno al Bagno S. Rocco, Muggia.
Lungo il percorso sarete accompagnati da musica, balli e tante altre sorprese. All’arrivo ci sarà una bellissima festa, con musica, ballo e la possibilità di acquistare bibite, piatti tipo sagra.
– 02/05/19 – ORE 9:30 – MINIMUJA
Evento dedicato ai piccoli atleti delle scuole di Muggia, che avrà luogo a Porto San Rocco.
Ogni anno oltre 600 alunni provenienti dalle scuole primarie e secondarie, lottano spalla a spalla per vincere la propria sfida personale e vivere una mattinata ricca di sorrisi e corse spensierate.
L’iscrizione è assolutamente gratuita ed a tutti i partecipanti verrà consegnato un gadget della mattinata.
Ad allietare la festa non mancherà musica ed un lauto ristoro finale dove tutti potranno rifocillarsi dopo lo sforzo.
– 04/05/19 – ORE 9:30 – MUJALONGA IN BICI con FRANCESCO MOSER
Pedalata non agonistica sulle strade del Comune di Muggia.
Ampio parcheggio e iscrizione GRATUITA.
Il percorso è pianeggiante e si sviluppa per circa 25 Km.
L’iniziativa è aperta a tutti, anche alle famiglie e ai giovani (età minima 14 anni). Non è necessario avere una bici da corsa. La velocità “di crociera” sarà di circa 20-25 Km/h e comunque in funzione dei partecipanti. Ognuno è libero di fermarsi quando vuole e quindi non è obbligatorio ultimare il percorso.
C’è l’obbligo invece di indossare il casco e bisogna rispettare il codice della strada.
Non c’è necessità del certificato medico d’idoneità sportiva. I partecipanti saranno scortati da polizia stradale e polizia municipale ma la strada non sarà necessariamente chiusa al traffico. 

COME È NATA LA PLASTICA? STORIA E CURIOSITÀ

La plastica moderna, quella che deriva dal petrolio, ha cambiato il nostro modo di vivere. Ma quando è nata questa versatile materia? E perché è diversa dalla plastica “antica”?

Sin dai tempi più antichi gli uomini modellavano materiali come argilla e creta per ottenere degli oggetti rigidi adatti all’uso domestico o semplicemente per abbellimento estetico.

Creta e argilla hanno una cosa in comune: la plasticità. Un materiale plastico, infatti, ha la particolarità di mantenere la forma che gli viene impressa. In natura, creta e argilla a parte, esistono tanti materiali plastici, dalla cera all’ambra, dalla colofonia (o pece greca) alla gomma arabica.

un po’ di storia

Due secoli fa, attorno al 1860, il gioco del biliardo era diventato una vera e propria moda. Le palline erano fatte d’avorio, materiale che si ricava dalle zanne degli elefanti e la cui produzione costava tantissimo non solo in termini di denaro ma anche di vita dei poveri elefanti. Ecco perché, nel 1863, una fabbrica di New York offrì diecimila dollari a chi avesse inventato un materiale economico per sostituire l’avorio.

la celluloide: prima materia plastica artificiale

Sei anni dopo, nel 1869, il tipografo John Hyat inventò la celluloide, il materiale usato da allora in poi per creare pettini, dentiere, manici di spazzole e tanti altri oggetti comuni. La celluloide è stata la prima sostanza plastica artificiale ed è fatta di canfora (una cera che si trova in natura), azoto e cellulosa. La vera svolta arrivò però nel 1889 quando la Kodak utilizzò la celluloide per produrre la pellicola fotografica e cinematografica. Il difetto? La celluloide era estremamente infiammabile.

la bachelite, la prima materia plastica sintetica

Per ottenere la prima plastica sintetica, ossia ottenuta senza usare sostanze naturali (come nella celluloide, vedi sopra), bisogna aspettare il 1909. Il chimico belga-americano Leo Baekeland riuscì a creare la bachelite, una sostanza composta da fenolo e formaldeide che si modellava con il calore e che, una volta raffreddata, non poteva più cambiare forma, neanche riscaldandola nuovamente. Si trattava della prima plastica termoindurente (che cioè diventa dura con il calore). Oggi è ancora usata in vari oggetti: dai manici delle pentole agli interruttori, fino ai componenti delle auto.

come la plastica si è diffusa in tutto il mondo

Negli anni ’20 del secolo scorso cominciarono i primi esperimenti per creare materiali plastici usando il petrolio. Bisogna però aspettare fino agli anni ’30 per arrivare all’invenzione del plexiglass.  Avete presente quel meraviglioso materiale che è simile al vetro invece è… plastica? Fu inventato nei laboratori tedeschi, deriva dal petrolio e, in seguito alla sua invenzione, arrivarono due altri tipi di plastica di successo: il PVC e il poliuretano.

Dagli anni ’30 in poi la storia della plastica fu tutta una serie di successi:

Nel 1933 in Inghilterra si inventa il polietilene (la “pellicola” per proteggere i cibi).

Nel 1938 in America nasce il nylon, la fibra sintetica usata per i tessuti.

Nel 1954 l’italiano Giulio Natta inventa il “moplen”, la plastica ancora oggi usata per vasche e vaschette, anche alimentari. Per questa invenzione, nel 1963 Natta ha ricevuto il premio Nobel.

E così, in appena vent’anni, la corsa dei materiali plastici non si è più arrestata e tuttora si continuano a sperimentare e a
inventare nuovi tipi di plastica.

Fonte: https://www.focusjunior.it/scienza/come-si-fa-plastica/

Trieste SWR | SoloWomenRun

La 7 Trieste SoloWomenRun, organizzata da 42K Srl in partnership con Apd Miramar e sotto l’egida di Asi e Fidal, si svolgerà domenica 28 aprile 2019.
L’evento fa parte del Trieste Running Festival, l’ appuntamento running più partecipato del Friuli Venezia Giulia.

Tutti i dettagli sono in via di definizione e saranno annunciati nelle prossime settimane.

 

PAGINA DELLE PROPOSTE

PROPOSTE 2019

 “Canaletto e Venezia”
Mostra in corso dal 23 febbraio al 9 giugno 2019

Palazzo Ducale, dopo la grande mostra su Tintoretto, propone un evento su uno dei protagonisti della pittura del Settecento: Antonio Canal detto Il Canaletto. La mostra racconta il grande secolo dell’Illuminismo che in pittura vide l’avvento del Vedutismo grazie alle prove di Luca Carlevaris, influenzato dagli artisti del nord Europa come Gaspare Vanvitelli, e il rinnovamento della ritrattistica grazie a Rosalba Carriera, ma anche la rivoluzione del Longhi e la nascita del Neoclassicismo.

 

 

Mostra di arazzi a Palazzo Zaguri “Da Kandinsky a Botero tutti in un filo” e la Collezione Peggy Guggenheim

(La mostra rimane aperta fino a 01.05.2019)

 

 

 

“TRA NATURA E SCIENZA: LE MACCHINE DI LEONARDO”

Per celebrare l’anniversario dei 500 anni dalla morte di LEONARDO DA VINCI questa mostra, che sarà ospitata dal 9 febbraio al 5 maggio prossimi alla Centrale Idrodinamica in Porto vecchio, farà in qualche modo da apripista all’appuntamento di ESOF 2020, quando Trieste per cinque giorni sarà capitale europea della scienza.

 

PER RIDERE UN PO’

 

 

A.I.D.A. Concorso Letterario 2019

 XVII edizione – Prosa e Poesia

REGOLAMENTO

 La partecipazione al Concorso è gratuita ed è riservata a donne
residenti in Friuli Venezia Giulia, Veneto,  Istria slovena e croata.
SCADENZA: 19 aprile 2019 – farà fede il timbro postale.

 

E’ SUDDIVISO IN DUE GRUPPI:

Gruppo 1: autrici aventi meno di 18 anni alla data di chiusura del concorso.

Gruppo 2: autrici aventi più di 18 anni alla data di chiusura del concorso.

 HA DUE SEZIONI:

Sezione A – Prosa. Si partecipa inviando “un racconto inedito e NON ancora presentato alle precedenti   edizioni del Concorso” –  lunghezza massima 4 cartelle.

 N.B.   Per le autrici del Gruppo 1 (meno di 18 anni) i lavori sono a tema libero.

Per le autrici del Gruppo 2 (più di 18 anni) i lavori devono trattare un argomento a carattere sociale e avere come protagonista una figura femminile.

Sezione B – Poesia. Si può partecipare con, massimo, due poesie ineditelunghezza massima 35 versi ciascuna.

 N.B. In questa sezione il tema è libero per entrambi i Gruppi.

– Prose e Poesie devono essere presentate in lingua italiana.

– Si può partecipare anche a entrambe le sezioni.

MODALITA’ di PRESENTAZIONE Pena l’esclusione, ogni concorrente dovrà:

– presentare le proprie opere in 6 (sei) copie, possibilmente dattiloscritte.

– di queste, 5 (cinque) copie devono essere anonime, recanti solo la Sezione e il Gruppo di appartenenza;

– 1 (una) copia deve contenere: la sezione, il gruppo di appartenenza, nome – cognome, data di nascita, indirizzo completo, numero di telefono, e-mail, una breve biografia, una dichiarazione che il lavoro presentato è inedito e la firma.

CONSEGNA I lavori si possono consegnare:

a mano – presso la sede dell’associazione A.I.D.A. – stazione delle autocorriere – 1° piano – Piazzale Foschiatti 1 – Muggia (TS), nelle giornate di apertura della sede: martedì e mercoledì 10 -11 e giovedì 15-17 – previa telefonata al n° 0409278281.

per posta – Associazione A.I.D.A. c/o Centro Culturale “G. Millo” P.zza della Repubblica 4 – 34015 Muggia (TS)

Per informazioni: aida_muggia@hotmail.it oppure chiamare 0409278281 in orario apertura sede.

L’A.I.D.A. non si assume responsabilità in caso di smarrimenti o disguidi nel recapito degli elaborati.

GIURIA  E’ formata da cinque componenti di cui una socia A.I.D.A. con il ruolo di Presidente. Le decisioni della giuria sono inappellabili. I nomi si conosceranno durante la cerimonia di premiazione.

PREMIAZIONE Sono previsti un primo premio e due segnalazioni per ogni gruppo. Nel caso in cui al Gruppo 1 pervenissero  meno di quattro (4) elaborati, alle partecipanti sarà riconosciuto solo un attestato di partecipazione.

Le vincitrici e le segnalate saranno contattate personalmente. Se impossibilitate a ritirare quanto loro assegnato, possono, con delega scritta, incaricare persona di fiducia. Non è previsto nessun tipo di compenso o rimborso.

Nota:– Ogni autrice è responsabile di quanto contenuto nei suoi scritti. Acconsente al trattamento dei suoi dati personali ai fini del concorso stesso e non saranno in alcun modo comunicati o diffusi a terzi per finalità diverse a quelle del concorso.  Le opere ricevute non saranno restituite e potranno essere pubblicate dall’associazione A.I.D.A. nel modo e nel tempo che la stessa riterrà più opportuno.

– La partecipazione al concorso implica la totale accettazione del presente regolamento.

– Alle partecipanti sarà comunicato il giorno e l’ora della premiazione tramite mail.

– Organizzatrici e collaboratrici non possono partecipare al concorso in oggetto.

 

A.I.D.A.Literarni natečaj 2019

XVII prireditev -Proza in poezija

PRAVILNIK

Sodelovanje na natečaju je brezplačno in namenjeno ženskam Furlanije –
Julijske krajine, Veneta, slovenske in hrvaške Istre.
ROK ZA PRIJAVO: 19 april 2019 – odloča datum na poštni pošiljki

DELI SE NA DVE SKUPINI:

Skupina 1: avtorice mlajše od 18 let na dan zaključka natečaja.

Skupina 2: avtorice starejše od 18 let na dan zaključka natečaja.

IMA DVE SEKCIJI:

Sekcija A – Proza. Avtorice sodelujejo z neobjavljenim delom, s povestjo ki ni še bila objavljena in NITI poslana na prejšnje izdaje Natečaja max dolžina: 4 strani.

Skupina 1 (avtorice mlajše od 18 let) prosto izbira tematiko.

Skupina 2 (avtorice starejše od 18 let) obravnava tematiko s socialno noto in osrednjim ženskim likom.

Sekcija B – Poezija. Največ dve neobjavljeni pesmi – ne daljši od 35 verzov vsaka.

Za to sekcijo velja za obe skupini prosta izbira teme.

– Prozna dela in pesmi morajo biti v italijanskem jeziku.

– Avtorice lahko sodelujejo v obeh sekcijah.

NAČIN PRIJAVE Kandidatke morajo:

– poslati svoja dela v 6 (šestih) izvodih, po možnosti tipkopise.

– od teh 5 (pet) anonimnih izvodov, zgolj z oznako sekcije in skupine;

– 1 (en) izvod mora vsebovati: oznako sekcije, skupine, ime – priimek, rojstni datum, naslov, telefon, e-mail, kratek življenjepis, izjavo s katero potrjuje, da je prijavljeno delo neobjavljeno in podpis. V primeru nepopolne prijave se kandidatke izločijo.

DOSTAVA DEL Dela se lahko dostavijo:

osebno – na sedežu društva A.I.D.A. – avtobusna postaja -1. nadstropje, Piazzale Foschiatti – Muggia – Milje (TS), v torek in sredo od 10h do 11h in četrtek od 15h do 17h ob predhodnem klicu na tel. 0409278281.

Po pošti na naslov: Associazione A.I.D.A. c/o Centro Culturale “G. Millo” P.zza della Repubblica 4 – 34015 Muggia – Milje (TS) – Italia

Informacije: aida_muggia@hotmail.it ali na tel. 0409278281 v uradnih urah.

A.I.D.A. ne prevzema odgovornosti v primeru izgube ali napačne dostave pisnih del.

ŽIRIJA Ima pet članov, od teh je ena članica društva A.I.D.A. v vlogi predsednice. Odločitvam žirije ni mogoče ugovarjati. Imena bodo razglašena na svečani podelitvi nagrad.

PODELITEV NAGRAD Predvidene so prva nagrada in dve nominaciji za vsako skupino. Če za skupino 1 prispejo manj kot štiri (4) dela, bo sodelujočim priznano zgolj eno potrdilo o sodelovanju.

Nagrajenke in nominiranke bodo osebno obveščene. Če na podelitvi ne bodo prisotne, lahko pooblastijo drugo osebo. Povračilo stroškov ali kakršno koli denarno nadomestilo ni predvideno.

Opomba: Avtorice odgovarjajo za vsebino svojih del. Dovoljujejo, da se njihovi osebni podatki uporabljajo v skladu s pravili natečaja in ne bodo v nobenem primeru posredovani tretjim za namene, ki niso v skladu s pravili natečaja. Dostavljena dela se ne vračajo, društvo A.I.D.A. jih bo objavilo na način in v času, ki bo po lastni presoji najbolj primeren.

– Sodelovanje na natečaju je pogojeno s spoštovanjem pravilnika v celoti.

– Sodelujočim bosta sporočena dan in ura svečane podelitve priznanj.

– Organizatoricam natečaja in sodelavkam ni dovoljeno sodelovati na natečaju.

 

Associazione A.I.D.A. – c/o Centro Culturale
“G. Millo” – Piazza della Repubblica, 4 – 34015 Muggia (TS)
Sede operativa : c/o Stazione autobus – 1° piano – Piazzale Foschiatti – 34015 Muggia (TS)
E-mail  aida_muggia@hotmail.it; blog:aidamuggia.wordpress.com –  Telefono  040 9278281
Orario apertura sede – martedì e mercoledì 10-11 giovedì 15- 17

Stampato in proprio – Aprile  2019

“La mimosa de Vittorina”                 Foto: Liliana Salich