Associazione Interculturale Donne Assieme

Giornalino di Maggio 2017

    ESSERE DONNA
Quando prendi coscienza di te

capisci le tue potenzialità,

sei in grado di valutare  le tue capacità, i tuoi limiti,

allora puoi lasciare libero il tuo nsiero

che vaga per l’universo,

perché l’hai raggiunto: è dentro di te.

Scopri così di non essere più sola …

Se ti accetti come sei, puoi anche volare!
Licia Fontanot

Nel-Mar …un modo moderno di scrivere
Nel-Mar …che fa sorridere e… tiene compagnia
Nel-Mar …di intensa attività
Licia Fontanot

NOTIZIE  di  IERI – di OGGI – di DOMANI

4 aprile: il tradizionale incontro mensile si è tenuto presso la sala della biblioteca comunale “E. Guglia” con la presentazione del libro “I piaceri del CONVIVIO passando per Trieste”, scritto da Giuliano Relja e presentato da Mara Rondi.

15 aprile: sono scaduti i termini per la partecipazione al concorso Letterario 2017, XV edizione.

20 aprile: si è formato il Direttivo della Consulta delle Associazioni – vedi nota informativa all’interno del giornalino. 

22 aprile: siamo andate a Skofja Loka e al parco di Arboretum, dove abbiamo potuto ammirare le distese di tulipani in un tripudio di colori.

23 aprile: un piccolo gruppo di socie ha partecipato alla Mujalonga.

2 maggio: alle 16.30, tradizionale incontro mensile presso l’hotel Lido. Saranno nostre ospiti Mariuccia Cernigoi e Annamaria Noventa che leggeranno poesie in italiano e in dialetto triestino. 

14 maggio: gita a Marano Lagunare organizzata dall’associazione Cuore Amico – sezione di Muggia.

8 maggio: presso la nostra sede, si riunirà la Giuria del Concorso Letterario.

6 giugno: 16.30, tradizionale incontro mensile presso l’hotel Lido. 

9 giugno: visita all’Acquedotto Randaccio. *** 17 o 24 giugno: cena del Solstizio d’estate, da definire.  
***si raccolgono già da ora le adesioni per prenotare la guida. Esprimere da subito se si preferisce andare: mattina: 9 – 13; pomeriggio: 14 – 16.

ALCUNE DATE CHE CI PIACE RICORDARE 
3 maggio –  Giornata mondiale della libertà di stampa.

Per evidenziare l’importanza della libertà di stampa e ricordare ai governi i loro doveri per far rispettare l’articolo 19 della dichiarazione universale dei diritti umani e celebrare l’anniversario della dichiarazione di Windhoek, sui principi della stampa libera, emessi da giornalisti africani nel 1991. Fonte: Wikipedia 5 maggio – Giornata mondiale dell’igiene delle mani.

Un appuntamento annuale per ribadire il ruolo chiave dell’igiene delle mani, riconosciuta come una delle pratiche centrali per proteggere il paziente dalla trasmissione di infezioni. In modo particolare si riducono le infezioni da batteri resistenti agli antibiotici, che rappresentano un grave rischio per la salute e uno dei maggiori problemi di salute pubblica. Per questo motivo, da anni, le due aziende sanitarie pubbliche della Provincia, organizzano continue iniziative di formazione e di rinforzo, negli ospedali come nel territorio, volte a rammentare i passaggi essenziali da rispettare.

                                                                                               Fonte: http://www.asmn.re.it

8 maggio –  Giornata mondiale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, 

in tutto il mondo, si festeggia il lavoro di soccorso che svolgono quotidianamente milioni di volontari della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. L’obiettivo delle celebrazioni di questa giornata è quello di avvicinare la cittadinanza al movimento della Croce Rossa e far conoscere quali sono i compiti svolti dai Volontari. Durante questa giornata si svolgono simulazioni di primo soccorso (ad esempio sul come comportarsi davanti ad una
situazione di emergenza prima dell’arrivo dell’ambulanza) e vengono spiegate le campagne attive a livello nazionale ed internazionale.

                                                      Fonte: Wikipedia
 
11 maggio – Giornata mondiale del commercio equo. 

Coltivare un’altra economia, basata sulla solidarietà e il rispetto è possibile. Parlando di consumi e di economia spesso non ci fermiamo a riflettere sul vero significato di questi concetti. L’economia è fatta dalle persone e dalle loro vite: tutti noi, spinti dalla passione o dalla remunerazione, ci svegliamo la mattina e lavoriamo. Questo lavoro però per molti significa oltre che gratificazione e senso di utilità, anche la possibilità di vivere una vita felice e libera. E’ questo il concetto sui cui si fonda il movimento mondiale definito “Commercio equo e solidale”.
 Fonte: Wikipedia 

12 maggio – Giornata mondiale dell’infermiere.
 L’International Council of Nurses è una Federazione di più di 130 Associazioni nazionali infermieristiche, che rappresentano più di 13 milioni di infermieri nel mondo. Negli anni Sessanta in Italia a celebrare il 12 maggio sono la Consociazione (Caioss), le Associazioni infermieristiche e qualche Collegio provinciale. È nel 1980 che la Federazione nazionale Ipasvi decide di sostenere in prima persona l’iniziativa, annunciandola sul “Notiziario”. L’intento dichiarato dal gruppo dirigente è quello di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui valori di cui è portatrice la professione infermieristica: “una professione che trova il suo significato più originale e autentico nel servizio all’uomo”.  Fonte: http://www.ipasvi.it
 
22 maggio – Giornata internazionale della diversità biologica.
E’ una festività proclamata nel 2000 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per celebrare l’adozione della Convenzione sulla Diversità Biologica (Convention on Biological Diversity) ed è dedicata alla difesa e alla tutela della biodiversità.    Fonte: Wikipedia
 

28 maggio – Giornata mondiale contro la Sclerosi Multipla,
promossa dalla Federazione Internazionale Sclerosi Multipla (MSIF) è l’unica campagna globale per aumentare la consapevolezza sulla SM. La campagna per la Giornata Mondiale sulla SM mira a far passare quattro messaggi chiave, per aumentare la consapevolezza e la conoscenza generale sulla SM:
1) Non si conosce la causa della SM né la cura definitiva. 2) La SM viene di solito diagnosticata fra i 20 e 40 anni e dura una vita intera. 3) I sintomi della SM variano da persona a persona. Questo rende imprevedibile la vita con la SM. 4) Servizi e trattamenti stanno migliorando per le persone con SM ma non per tutti né in modo equo Il sito della campagna è disponibile su http://www.worldmsday.org. Fonte: http://www.aism.it
 
31 maggio – Giornata mondiale per la lotta al fumo, iniziativa voluta dall’ OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che vuole essere un importante momento di riflessione sull’impatto nocivo del fumo sulla salute. Per l’interesse dimostrato ed il contributo allo sviluppo di un’Europa senza tabacco, l’OMS ha conferito premi ad individui e ad organizzazioni europee. Il Commissario Europeo per la Salute, David Byrne, ha
ricevuto il premio speciale per lo straordinario impegno profuso e per aver guidato l’Unione Europea verso il controllo internazionale del tabacco. In Italia, insieme al Ministero della Salute, già attivamente impegnato in una vasta campagna antifumo, la LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori e la Camera Nazionale della Moda si sono uniti per sensibilizzare i fumatori a smettere o rispettare la libertà dei non fumatori e per incrementare le conoscenze di tutti i cittadini, fumatori e non, sui rischi per la salute legati a questa cattiva abitudine.
Fonte: http://www.sparklingcode.net
 
Consulta delle Associazioni di Muggia
Giovedì 20 aprile, presso la sala della Biblioteca comunale “E. Guglia” di Muggia, presenti i presidenti delle Associazioni iscritte all’Albo e gli assessori Tullio Bellen – Cultura e Sport e Mirna Viola – assessora ai rapporti con le Associazioni, si sono riuniti per eleggere il Direttivo della Consulta delle Associazioni.  Dopo l’introduzione degli assessori che hanno ricordato il percorso, fino a quel momento fatto, mettendo in risalto l’importanza che tutte le Associazioni hanno per il territorio, si è passati alla nomina dei componenti il Direttivo che è così formato:
1- Merlak Marina – Comunità degli Sloveni di Muggia “Kjlian Ferluga”.
2- Brivonese Monica – Associazione musicale folcloristica triestina “Vecia Trieste”.
3- Tomasi Carlo – Banda cittadina di Muggia.
4- Fulvia Claus – Banda Ongia
5- Franco Stener – Fameia Mujesana – Vice Presidente
6- Paola Serra – Associazione Interculturale Donne Assieme (A.I.D.A) Presidente.
 
Pomeriggio “ludico-ricreativo”  
  Seguendo la scaletta degli appuntamenti ricreativi che si trova nell’ultima pagina del giornalino, alcune socie dell’associazione A.I.D.A. si sono recate venerdì 24 marzo 2017 ad Ancarano, un piccolo comune della Slovenia vicino al confine muggesano di Lazzaretto. Il programma prevedeva pranzo e partita di bowling. Nella piazzetta centrale c’è un locale particolare, dove le pietanze vengono servite a chilo.  
Per fortuna la pioggia ci ha fatto lo sconto e così, in una bella giornata di sole, in 16 ci siamo ritrovate un po’ accaldate, sotto un gazebo ai tavoli prenotati in precedenza, per gustare le pietanze servite da un simpatico cameriere che scherzosamente ci chiamava principesse, muovendosi briosamente nell’allegra confusione di tante donne assieme. Che la notorietà dell’associazione sia arrivata fino a lì? 2 Kg di gnocchi agli scampi, 1Kg di gnocchi ai funghi e gamberetti, 1Kg di bavette ai funghi e gamberetti, 4 Kg di calamari fritti patatine fritte palacinke e caffè; questo è tutto quello che abbiamo mangiato.
Poi, tranquillamente ci siamo incamminate verso il vicino campeggio, per giocare e smaltire la mangiata. Quel luogo, vicino al mare, è tra i siti di maggior rilevanza storica della Slovenia, perché comprende al suo interno il monastero benedettino di S. Nicola risalente all’inizio del XII secolo, abbandonato dai monaci in seguito all’insorgere della peste bubbonica. Ora nella struttura c’è un confortevole albergo.  Rimane comunque un luogo che infonde pace e serenità, nonostante il grande campeggio con roulotte e casette circondato da vegetazione subtropicale, per soggiornare confortevolmente nella natura. La grande sala giochi che si trova all’entrata della struttura, ospita la pista del bowling e noi, dopo aver noleggiato le scarpe adatte al gioco, ci siamo divise in due squadre e abbiamo iniziato la partita. All’inizio la palla molto pesante, di circa 6 Kg, ci ha un po’ penalizzate, ma poi abituandoci al peso siamo riuscite con grande divertimento a concludere la competizione, rallegrandoci con sonore battute di mano con chi faceva cadere più birilli. È stato un passatempo molto divertente e anche chi non voleva giocare, alla fine incuriosita, si è lasciata convincere a provare. Alcune amiche però si sono sedute ai tavolini per giocare a burraco, gioco di carte molto più riposante. Un unico commento finale: a quando la prossima giocata? Nelda
 
Presentazione libro

  “I piaceri del CONVIVIO passando per Trieste”

L’appuntamento del I° martedì del mese che l’associazione A.I.D.A. promuove con grande interesse e partecipazione da molti anni si arricchisce sempre più sul piano culturale. Martedì 4 aprile, presso la Nuova Biblioteca Comunale di Muggia, è stato presentato il libro “Piaceri del Convivio passando per Trieste” di Giuliano Relja. Relatrice Mara Rondi, una cara amica, vecchia conoscenza dell’associazione, lettrice anche degli elaborati finalisti del “Concorso Letterario”. Nell’accogliente sala, presente anche l’assessore alla Cultura e Sport Bellen, dopo i saluti della Presidente Paola Serra e dell’assessore con i ringraziamenti e i complimenti per le interessanti attività dell’A.I.D.A., la dott.ssa Mara Rondi ha spiegato e commentato il libro e il suo autore.  Un breve curriculum sulla vita del dott. Relja: quotato neurologo e con un grande amore per la cucina, Presidente per 10 anni dell’associazione “Accademia Italiana della Cucina”, l’unica per metodi scientifici riconosciuta in Italia, purtroppo scomparso, ha lasciato però un bel messaggio di argomenti veramente interessanti.  Di cucina se ne parla tanto, nelle varie riviste e trasmissioni televisive, ma fare cultura attraverso la cucina è molto importante. Il libro parla di Convivio, dal latino cum vivere ed è rivolto a chi sa molto o poco, ma soprattutto a chi vuole condividere il piacere di mangiare assieme, con soddisfazione e allegria. Il testo è uno strumento utile per tramandare la memoria storica: Relja con i suoi racconti, storie e riflessioni ci fa assaporare i piaceri della buona tavola dall’antichità ad oggi. Ci racconta che Platone nel 400 a.C. fu il primo a parlare di convivio, seguito da Dante nei tempi più moderni, dell’alimento principale della tavola, il pane, cum panis che risale ai tempi dei mercenari romani, del vino che nasce dopo la birra, anticamente molto acido ed inebriante, tanto che i romani per addolcirlo ci mettevano il miele. Parla di Caterina de Medici, donna molto importante, che impose lo stile italiano alla corte francese, tanto da introdurre l’uso della forchetta. Nel 1500 Pierre Buffet crea un mobile per adagiare sopra i cibi in mostra; nel 1800 viene compilata una pergamena con scritti tutti i cibi che i valletti servivano a tavola, ecco inventato il menù, originariamente scritto in francese, fu poi Vittorio Emanuele a tradurlo in italiano. Ci racconta anche del galateo, comportamenti corretti e accettati a tavola. Ci fa poi una domanda: esiste la cucina italiana? È piuttosto un patrimonio regionale molto variegato.  Nella seconda parte del libro Relja parla della cucina triestina, con la sua tendenza austriaca, slovena, istriana e dalmata. Ci sono anche alcune ricette triestine, tra cui la” busara” cucinata dai pescatori all’interno delle barche con vari pesci, per soddisfare la fame nelle lunghe notti di pesca. Per finire una serie di diapositive con copertine di riviste mensili, libri, locandine di congressi e varie pubblicazioni. Ci dà anche un consiglio per le brave e volonterose cuoche: “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” scritto da Artusi nel 1891.

                                                                                                                            Nelda

Aforismi
Non vive di solo pane, è vero; ci vuole anche il companatico; e l’arte di renderlo più economico, più sapido, più sano, lo dico, lo sostengo si, è vera arte. Pellegrino Artusi  
 
Non c’è niente di più noioso del viaggiatore che ti assilla con i suoi racconti. 

Vita Sackville West (poeta, scrittrice e botanica inglese) 

 Prevenzione Incidenti domestici

Continuiamo con la pubblicazione delle schede relative alle piante, illustrate durante l’incontro tenuto lo scorso novembre presso la sala Millo, sulla prevenzione degli incidenti domestici. Le schede che seguono illustrano le piante che per le loro caratteristiche possono essere tenute anche in camera da letto.    


 
 
 
                                                                                        Seguirà
 Gita ad ARBORETUM

Sabato 22 aprile un gruppo di socie dell’associazione A.I.D.A. accolte da uno splendido sole, che ci ha accompagnato per tutta la giornata, si è recata in visita al parco di  Arboretum nella vicina Slovenia. Prima fermata alla bella cittadina medievale di

                   Skofja Loka che sorge in un ampia vallata circondata da monti e attraversata dal fiume Sora. Una simpatica guida, un ragazzo italiano residente nel comune sloveno, ci ha guidato per la visita naturalistica culturale attraverso le vie della cittadina passando per il ponte dei Cappuccini per arrivare alla piazza Civica, ammirando le varie abitazioni con facciate variopinte e con ricchi elementi architettonici. Nella piazza c’era il mercato di piante e fiori, ci siamo fermate a curiosare vicino ad un banchetto dove si vendeva il pan di miele, biscotti cucinati su stampi di legno fatti a mano e decorati con motivi floreali. Sul colle sovrastante la città sorge il Castello che si raggiunge camminando per un sentiero panoramico. Il museo al suo interno custodisce una ricca collezione di utensili dell’arte e dei
mestieri della vita reale del territorio medievale dagli inizi del 1500. Nelle sue stanze dove c’era l’abitazione dei proprietari, una camera da letto decorata e la” cucina nera” cioè senza camino, il fumo prodotto dal cibo anneriva le pareti. Il Castello fa anche da cornice a  matrimoni, difatti nella mattinata si svolgeva una cerimonia nuziale e ci sono stati offerti  dei biscotti da una ragazza che indossava il tipico costume locale. Ripreso il pullman ci siamo recate all’ Arboretum il parco più frequentato della Slovenia, dove si possono ammirare le molteplici qualità e quantità di fiori che sorgono nei suoi 80 ettari di superficie. All’inizio abbiamo ammirato l’immensa distesa di tulipani disposti in file colorate, poi camminando per il sentiero o calpestando i prati erbosi, siamo arrivate in uno splendido bosco di ippocastani, ci siamo specchiate nella acque di due laghetti, abbiamo scoperto il parco delle origini della vita, con animali preistorici in grandezza naturale che si muovevano e rumoreggiavano, per la gioia dei bambini che li osservavano. Nel parco patrimonio culturale e naturale a livello statale , sorgono circa 2.500 varietà di piante, ci sono anche diverse serre e un centro di giardinaggio, insomma un tripudio di colori in un ambiente unico formato dalla mano umana.     Nelda

VIVERE BENE 

Stress sottovalutato Oggi ne soffrono otto persone su dieci Giornate frenetiche, ritmi di lavoro incalzanti, abitudini scorrette, precarietà, agitazione, nervosismo e ansia da prestazione. In poche parole, stress. Esaurimento psicofisico. Il “male” dei giorni nostri, quello che colpisce sempre più persone – si parla del 70-90 per cento della popolazione – che non riescono a reggere i ritmi della quotidianità o eventi traumatici, compresi giovani e bambini: un disturbo troppo sottovalutato e poco considerato che è sempre più presente nella società. Proprio in questo ambiente diviene fondamentale la figura dello psicologo, alla quale si ricorre per cercare di uscire da una situazione negativa che genera malessere.  «Lo stress è una cosa seria, a differenza di come spesso viene concepito anche nel mondo del lavoro, occorre tener presente che, oltre a pesanti incidenze documentate sulla gran parte delle grandi malattie, cardiovascolari, respiratorie, autoimmuni e neurologiche, comporta alti costi anche per la produttività», ha spiegato David Lazzari, psicologo, psicoterapeuta, direttore del servizio di psicologia dell’Azienda ospedaliera di Terni e presidente dell’Ordine dell’Umbria, che a Udine ha presentato la sua ultima pubblicazione “Bilancia il tuo stress”, una guida in cui raccoglie ed elenca strategie per gestire al meglio le energie e ritrovare l’equilibrio. «Viviamo in un contesto in cui il benessere materiale è maggiore e si traduce in un mondo più complesso che genera stress. Ho scritto questo libro proprio per diffondere la cultura del buon uso dello stress: il testo accompagna per mano il lettore nell’autovalutazione della propria bilancia del disturbo».  Negli ultimi cinque anni, anche con le conseguenze della crisi e della perdita del posto di lavoro per molte persone le richieste di aiuto crescono e il fenomeno è sempre più evidente. È legato al contesto lavorativo, ma anche familiare, tra situazioni conflittuali e risultato dell’evoluzione di un modello che non fa più perno sull’immagine classica del nucleo, ma contempla invece nuove “forme”. E’ una società più aperta, ma non strutturata, che determina pro e contro. Occorre dunque dare la giusta attenzione a un fenomeno che colpisce, in diverse forme, molti individui e non sempre «agire sul sintomo, somministrando medicinali, senza prima considerare il contesto in cui vive il paziente, è la risposta. La soluzione c’è e non è nemmeno così drastica: piccoli momenti detox per il corpo e per la mente, abitudini salutari, attività rilassanti e rituali di benessere che aiutano a vivere meglio. A volte basta semplicemente “staccare la spina”.

I campanelli d’allarme: – Situazioni di eccessiva ansia. – Momenti di tristezza troppo frequenti. – Difficoltà a livello fisico, tra disturbi del sonno, digestione e alimentari. – Ammalarsi con troppa frequenza. – Irritabilità. – Comportamenti e abitudini compensative non sane (consumo di troppi caffè, alcool e sigarette). Che fare? – Mettere in campo “risorse personali” per comprendere quali situazioni lo determinano. – Rivolgersi a uno specialista.

NB – I farmaci non risolvono il problema

Come vincere lo stress: – Acquisire autoconsapevolezza di che cosa sia lo stress. – Riconoscere e individuare i segnali dello stress personale. – Creare strategie personali di adattamento alle condizioni che generano stress. – Scacciare la negatività. – Alimentazione corretta, attività fisica. – Attenzione alle proprie funzioni corporee, attraverso la respirazione e l’apprendimento di tecniche di rilassamento muscolare. – Attività che migliorano la qualità della vita, anche in termini ambientali. fonte: Intranet ASUITs

5 rimedi naturali contro gli insetti

BRUCIA ESSENZE Sambuco, bergamotto, rosmarino, menta, lavanda e citronella non sono amate dagli insetti: trovi queste piante come olio essenziale oppure puoi mettere a bollire le foglie e creare un mix di acqua profumata da spruzzare sulla pelle. Se desideri deodorare l’ambiente utilizza un brucia essenze. Nella ciotolina inserisci una base con polvere di caffè, ottimo contro api e vespe, a cui aggiungere pepe nero, olio essenziale di eucalipto, citronella o olio essenziale di tea tree: la serata sarà avvolta da un aroma naturale… a prova di insetti!
 
 
BUONE ABITUDINI ANTI INSETTO

La regola base? Soprattutto durante la bella stagione è importante conservare gli avanzi del pranzo in frigorifero. Controlla lo stato di maturazione della frutta e lascia in esposizione solo il minimo indispensabile. A fine pasto vaporizza acqua e aceto sulle superfici della cucina in modo da igienizzare e allontanare i cattivi odori. Ogni angolo va pulito a fondo così da eliminare briciole e residui di zucchero. I piatti? Meglio lavarli subito. In alternativa bagnali con acqua e qualche goccia di aceto. 
SPRAY FAI DA TE

Desideri uno spray multiuso a prova di insetti? Ecco come fare: raccogli la menta e mettila a macerare in un vasetto insieme
all’aceto bianco, limone e un ramo di rosmarino, alloro o origano. Dopo qualche giorno trasferisci il composto in un contenitore vuoto dove aggiungerai acqua e, eventualmente, sapone di Marsiglia. Puoi utilizzare questo spray naturale fai da te per le pulizie della cucina e, al tempo stesso, allontanare cattivi odori e insetti.
 
PAVIMENTI PULITI… E PROFUMATI

Una miscela di acqua e aceto può essere efficacemente utilizzata per pulire i pavimenti in modo naturale. Aggiungi olio essenziale di eucalipto, geranio e limone o lavanda: oltre all’azione antisettica, doneranno un piacevole profumo all’ambiente allontanando formiche e insetti. Ricorda che, sia in casa, sia sulla pelle, è bene eliminare i profumi eccessivamente dolci a base di frutta e fiori, fin troppo amati da vespe e insetti.
 
POT POURRI FAI DA TE Le spezie sono ottime per condire i tuoi piatti… ma anche come deterrente contro gli insetti, che rimangono disorientati dai loro odori pungenti. Nei punti strategici di casa, come finestre e ingresso, posiziona un piattino o un pot-pourri confezionato con curry, peperoncino, chiodi di garofano, cannella, foglie di menta sbriciolate e paprika. Anche il profumo intenso di alloro e origano contribuisce a tenere lontane formiche e insetti: con un’arancia o un limone puoi realizzare un semplice pot-pourri aggiungendo chiodi di garofano e un ramo di rosmarino e piante aromatiche legate con un nastro. Un fascio di erbe profumate per rallegrare la cucina.
 
TRAPPOLA  PER  ZANZARE FATTA  A  CASA

Uno degli insetti più noiosi, se non il più fastidioso, è sicuramente la zanzara. Negli ultimi anni con l’avvento di quelle tigre e di altre specie, non si può stare tranquilli neanche di giorno: esistono sì dei prodotti fatti apposta per proteggerci dalle zanzare, ma se usati
senza prudenza possono causare danni alla nostra salute. Inoltre è un metodo alternativo per riciclare le nostre bottiglie di plastica, senza tener conto che l’incidenza di questo esperimento sull’ambiente è pari a zero (cosa che non vale per molti spray). Un rimedio facile con un funzionamento molto semplice che si fonda su una reazione chimica che produce CO2, elemento che attirerà le zanzare nella nostra trappola: è infatti proprio l’anidride carbonica che attira le zanzare e che permette loro di individuare la preda più appetibile.  Cosa serve? Sono necessarie pochissime cose e di comune utilizzo casalingo: 1. Una bottiglia di plastica da 1,5 o 2 litri 2. 4 cucchiai di zucchero 3. 1 grammo di lievito di birra 4. 200ml di acqua 5. Scotch da pacchi scuro e, se avete, del cartoncino scuro
 

RICETTE … VELOCI
 Fagottini ricotta e olive  Ingredienti per 16 fagottini: 1 rotolo di pasta sfoglia, 200 gr di ricotta, 100 gr di olive verdi, 50 gr di grana, 1 albume, sale, pepe, semi di sesamo, papavero, finocchio.  Procedimento: In una terrina lavorare la ricotta con il formaggio grana, le olive snocciolate e tagliate grossolanamente, sale e pepe.  Stendere la pasta sfoglia con il mattarello e ritagliare dei quadrati di 8 cm.  Mettere al centro di ogni quadrato un cucchiaino di ripieno e richiudere a fagottino i lembi pressando bene.  Riporre i fagottini di sfoglia ripieni su un piatto da portata e riporli in frigo per mezzora.  Riprendere ora i fagottini, spennellare la superficie con l’albume o un po’ di latte e cospargere con i semi di sesamo, semi di papavero, semi di finocchio o altri semini a piacere. Posizionare quindi i fagottini di pasta sfoglia alla ricotta e olive su una placca da forno ricoperta da carta forno.  Infornare a 180° in forno già caldo e cuocere per 20 minuti.  
 
Spiedini di pasta sfoglia con wurstel e oliv

Ingredienti per 6 spiedini: 1 rotolo di pasta sfoglia, 4 wurstel, 100 gr di olive verdi, latte Procedimento: Stendete la pasta sfoglia e ritagliate delle strisce rettangolari.  Infilare una striscia in uno stuzzicadenti di legno lungo e mettere un pezzetto di wurstel.  
Alternare con un’oliva ottenendo una spirale.  Poggiate gli spiedini di pasta sfoglia con wurstel e olive su una teglia ricoperta di carta forno. Spennellate con un po’ di latte e cuocete a 200° in forno già caldo per 20 minuti.  Servite tiepidi.
 Muffin salati provola e pomodorini 

Ingredienti per 12 muffin: 240 gr di farina 00, 30 gr di grana grattugiato, 1 bustina di lievito istantaneo, 1 cucchiaino di sale, 200 ml di latte, 2 uova, 60 ml di olio di semi, 150 gr di pomodorini, 200 gr di provola affumicata, 100 gr di olive nere, basilico, pepe, sale.  Procedimento:  Lavare i pomodorini e tagliarli in 4 parti, denocciolate le olive nere, tagliate la provola affumicata a dadini e spezzettate le foglie di basilico.  In una ciotola mescolare farina, sale, pepe, lievito e formaggio grana grattugiato.  A parte mescolate uova, latte e olio  Unite i due composti e mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere pomodorini, provola, olive, basilico.  Mescolate fino a far amalgamare in modo omogeneo tutti gli ingredienti.  
Imburrate gli stampini per muffin e versate al loro interno il composto riempendoli per 2/3 della loro altezza.  Infornate i muffin salati a 180° in forno già caldo e cuocete per 20 minuti circa.  Lasciar intiepidire, e servite i vostri muffin salati accompagnandoli ad una bella insalata mista.
 
PER RIDERE UN PO’


 
 
 
 
 


 

PAGINE DELLE PROPOSTE
  … prossime  
 ACQUEDOTTO RANDACCIO:  9 giugno 2017  

… da definire
L’EGITTO – mostra a Verona, fino a settembre 2017  
 
CENTRO DIDATTICO NATURALISTICO – (Basovizza)   
 
ORTO BOTANICO – (Trieste)     
 
MONTE NANOS – passeggiata naturalistica
 
GROTTE “LE TORRI di SLIVIA”  
 
GROTTE di SAN CANZIANO (Slovenia)
 
… “ricreative”   

CIACOLADA SOTO LE STELE –  serata conviviale presso agriturismo Scheriani.
 
 Note: le proposte non attuate nell’arco dell’anno 2017, saranno rinviate all’anno successivo.

Chi è interessato può già dare la propria adesione.
 
 Associazione A.I.D.A. – c/o Centro Culturale  “G. Millo” – Piazza della Repubblica, 4 – 34015 Muggia (TS) Sede operativa : c/o Stazione autobus – 1° piano – Piazzale Foschiatti – 34015 Muggia (TS)
E-mail  aida_muggia@hotmail.it; blog:aidamuggia.wordpress.com –  Telefono  040 9278281 Orario apertura sede – martedì e mercoledì 10-11 giovedì 15- 17
Stampato in proprio – maggio 2017

AUGURI al nostro “nuovo giornalino” che ha compiuto UN ANNO