Associazione Interculturale Donne Assieme

7 luglio 1881

Lascia un commento

Collodi pubblica le prime storie di Pinocchio

Il personaggio più amato della letteratura per ragazzi nacque come risposta a un mutamento cruciale della società italiana e come occasione di guadagno per Carlo Lorenzini, in arte Collodi, che in quel periodo non se la passava tanto bene.
All’indomani del completamento dell’Unità d’Italia, una delle prime problematiche da affrontare era l’istruzione pubblica, alla luce del fatto che il 78% della popolazione risultava analfabeta, con punte massime in Sardegna (91%), Calabria e Sicilia (entrambe al 90%). Con la legge Coppino del 1877 si estese l’obbligo scolastico a tutti, portando l’istruzione elementare gratuita da due a tre anni (regolata dalla precedente legge Casati del 1859).
Il Collodi cercò di esprimere a modo suo la riluttanza di migliaia di bambini ad adempiere all’obbligo scolastico, dando vita a personaggi discoli e svogliati come Giannettino e Minuzzolo, che prepararono il terreno a un terzo destinato a grande fama. Spinto dagli editori, entusiasti per le sue storie, e dalla necessità di far fronte alle spese della vita, Collodi si mise a pensare a un nuovo soggetto. Quando nel 1881 inviò i primi due capitoli alla redazione del Giornale per i bambini, supplemento del giovedì del quotidiano fiorentino Fanfulla, li presentò come «bambinata», sollecitando un sostanzioso pagamento affinché decidesse di portarla avanti. Pubblicate il 7 luglio con il titolo “La storia d’un burattino”, le imprese di Pinocchio (termine toscano che sta per pinolo, seme commestibile del pino), conquistarono i piccoli lettori e non solo.
Senza avere in mente come proseguire il racconto e avendo preventivato inizialmente soltanto otto capitoli, l’autore continuò la serie fino al gennaio del 1883. A febbraio dello stesso anno, dopo aver rivisto la suddivisione in capitoli e completato il testo con le illustrazioni di Enrico Mazzanti, Collodi diede alle stampe il romanzo Le avventure di Pinocchio, per la casa editrice Paggi.
Il resto è storia più o meno recente di un personaggio, fonte inesauribile per scrittori, registi e disegnatori: dal film d’animazione della Disney (1940) al Pinocchio (2002) recitato da Roberto Benigni, passando per le varie versioni televisive e a fumetti.

Fonte: mondi.it

Nota: Un romanzo indimenticabile che ha accompagnato nei primi anni di scuola soprattutto per quelli di una certa età. Questa storia è così radicata dentro di noi che lo raccontiamo anche oggi ai nostri nipotini. Chi di noi non ha mai detto “Se racconti le bugie ti verrà il naso come Pinocchio?”

Autore: AIDA

Associazione Interculturale Donne Assieme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...