Associazione Interculturale Donne Assieme

La mia prima Mujalonga

Lascia un commento

Domenica 23 aprile 2017, pronta di tutto punto, sono uscita da casa per raggiungere piazzetta S. Rocco, luogo di raduno e partenza/arrivo della Mujalonga. Quest’anno si è organizzata la 14 edizione, ma io, per pigrizia, non vi ho mai partecipato. Strada facendo si sono unite Martina, la nostra prof. di ginnastica, altre due amiche e Ivo che, all’ultimo momento, si unisce al gruppo, impietosito forse dal gruppo esiguo di partecipanti aidine. Per questo motivo, il giorno dell’iscrizione, fatta qualche giorno prima, ho accettato l’invito di unirci al gruppo, ben più folto, del laboratorio “La Luna nel pozzo”.
Sul posto ci viene consegnata una borsina, che contiene una maglietta color giallo acido che indossiamo subito, un pacco di pasta Zara e una crema lenitiva per piedi che scopro essere efficace se applicata prima, utilizzata dopo serve per cercare sollievo a piedi maledettamente doloranti.
Dopo i saluti della sindaca Laura Marzi e il conto alla rovescia fatto dagli organizzatori, si è dato inizio alla “passeggiata”; la partenza si fa senza fretta, perché a questa corsa non competitiva possono partecipare tutti: mamme con carrozzelle, ragazzini con i pattini e signore con cane/cagnolino al guinzaglio. Quella competitiva era iniziata un’ora prima e, alla nostra partenza, i più bravi erano già di ritorno. Accompagnati da una bellissima giornata e da una brezza leggera che, forse, in certi tratti del percorso poteva infastidire, tutti, comunque, parevano incuranti. Strada facendo, cerco di portarmi vicino alla barriera che delimita la strada dal mare, ci riesco e così posso guardare ammirata l’acqua calma e cristallina; vado di buon passo, raggiungo con il gruppo Lazzaretto, dove è stato organizzato un piccolo rinfresco, prima di riprendere la via del ritorno. Il percorso di circa 8km andata / ritorno è stato fatto da noi in 1.30m e il nostro gruppo è stato premiato come il più numeroso fra i partecipanti, ricevendo, come premio, un bellissimo vaso in ceramica, una confezione intera di caffè “Amigos”, devoluta ad una Associazione umanitaria/caritatevole del territorio e un intero prosciutto crudo che si consumerà a breve.
Bella esperienza! Da ripetere.

Paola S.

Autore: AIDA

Associazione Interculturale Donne Assieme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...